Fiorenzuola di Focara e la sua spiaggia

20140818_162145

In piena estate c’è chi si sente troppo attivo per accontentarsi di una rilassante quanto tediosa giornata sotto l’ombrellone.  E allora non c’è niente di meglio di una breve escursione, prevalentemente ombreggiata, che magari termini con un bel tuffo in mare. L’anno scorso abbiamo fatto la Traversata del Conero; quest’anno invece ci siamo accontentati del più vicino promontorio di Gabicce, per scoprire i sentieri del Monte San Bartolo.

Per quanto riguarda la cartografia abbiamo consultato la cartina del Parco Naturale del San Bartolo (ed. 2013). Qui la passeggiata è indicata come “Strada della Marina” e si svolge sui sentieri n.12 + 13 + 15. Se invece si fa riferimento alla numerazione CAI, che è quella che si ritrova effettivamente sui cartelli in loco e sulla versione online aggiornata della mappa, i sentieri sono i n.115 + 115a. La tempistica è di circa 45′ – 1 h (andata).

Parcheggiamo sulla SS Adriatica in località Le Logge. Mancando qualsiasi indicazione o cartello, e dal momento che il segnale di inizio sentiero non è visibile dalla strada, abbiamo qualche difficoltà ad individuare il posto. In ogni caso si tratta di un gruppetto di case subito a sud di Siligata.

Di qui saliamo per uno stradello abbastanza ripido e stretto. Anche se la camminata è breve e non presenta particolari difficoltà, e la meta è la spiaggia, sconsigliamo di vestirsi “da mare”. Meglio indossare pantaloni lunghi e magari spalmarsi della crema antizanzare, dato che la prima parte del sentiero è invasa dalle piante e brulicante di insetti.

Arrivati ad una strada, proseguiamo a sinistra per un po’. Dopo aver attraversato la SP “Panoramica San Bartolo” in corrispondenza del chiosco “Il Sorpasso”, giungiamo ad un bivio e prendiamo a sinistra per Firenzuola di Focara. L’alternativa è seguire a destra l’indicazione per la spiaggia, ma la sconsigliamo perché il sentiero è in cattivo stato, invaso da piante spinose e in ogni caso non accorcia di molto il percorso.

20140818_181242

Proseguiamo quindi fino ad incontrare nuovamente una strada asfaltata. Ignoriamo la salita a sinistra che conduce ad un cimitero e continuiamo verso destra entrando nel paese, dove ci fermiamo a bere un succo in un bar. Qui comincia la parte più bella della passeggiata, con l’aprirsi di meravigliosi scorci sull’Adriatico.

20140818_161515

20140818_160919

Da Fiorenzuola scendiamo per i tornanti fino al mare, dove facciamo un bagno e ci fermiamo per un’oretta, finché già alle 5 del pomeriggio l’ombra del Monte San Bartolo cala sulla spiaggia provocando l’esodo dei turisti. Rinfrescati e riposati risaliamo per lo stesso percorso dell’andata. Per i bagnanti c’è anche l’opzione navetta a pagamento, ma secondo noi non ne vale la pena visto che il bus non ferma vicino alla spiaggia, ma quasi a metà della salita. La strada infatti è chiusa al traffico e si può arrivare con l’auto solo fino a Firenzuola. Avremo sudato più degli altri, ma almeno abbiamo evitato problemi di parcheggio!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...